Athanasius Kircher             

Padre Athanasius Kircher, nato nel 1602 in Germania, era stato chiamato al Collegio Romano per la cattedra di matematica, fisica e lingue orientali. Per vari anni lavorò intensamente sui geroglifici egiziani, sostenendo di averli decifrati. Sono giunti fino a noi sei obelischi in legno che Kircher utilizzava per le sue lezioni di egittologia e uno di essi reca una dedica alla regina Cristina di Svezia sulla quale sono state sovrapposte altre due dediche, una al papa Clemente IX e l'altra al papa Clemente X.

Conoscitore della geologia e dell'astronomia, era anche dotato di facoltà inventiva, come dimostra la sua macchina calcolatrice per ciò che riguarda la matematica, in fisica la sua lanterna magica e in medicina la teoria dei bacilli. Fu autore di testi che rivelano un sapere enciclopedico: nell'"Ars magna lucis et umbrae" si occupò di ottica e della natura della luce, nel "Mundus subterraneus" di vulcani, terremoti e geologia, nella "Musurgia universalis" di musica, nell'"Oedipus egitiacus" di geroglifici egizi e delle origini del linguaggio. Oltre a ciò pubblicò opere di fisica, matematica, sugli orologi, di medicina, di astronomia e sulla lingua e la cultura cinese.

Era anche un appassionato collezionista. Fino alla sua morte (1680), arricchì la donazione originaria con nuovi oggetti curiosi: bronzi, pitture, mosaici, iscrizioni, resti dell'antichità classica pagana e cristiana, oggetti riguardanti l'etnologia dell'Oriente e dell'America meridionale, e macchine da lui stesso costruite per esperimenti idraulici, ottici, magnetici e matematici, fino a rendere il museo del Collegio Romano il più bello tra quanti conosciuti allora.

                                

 

 

amministrazione trasparente


 

PON 2014-20 

 

Prenotazione visite al Wunder Musaeum

MUSEO membro dell'ICOM

 

Commemorazione del 16 ottobre 1943

con il Presidente della Regione Nicola Zingaretti

Marcello Pezzetti, Umberto Gentiloni, Mario Venezia

e il testimone della deportazione Mario Papà

GALLERIA DI FOTO

 
 
 
 
 
Go to top